La Via di Fuga

Soltanto camminando ci si può salvare

Di risaie e di nubi – Tor de Geants: la cronaca.

Un nuovo segnavia, con il re dei numeri primi che campeggia sornione in mezzo al giallo.
Lasciano il paese medioevale in salita, per riguadagnare i metri di dislivello persi con la discesa a Donnas.
Fa caldo, nel primo agosto valdostano.
I tanti scalini di pietra che si arrampicano erti all’interno della Valle del Lys non lasciano tregua al Dryton® delle magliette, su cui si allarga la chiazza più scura.
Guadagnato il crinale, l’afa del fondovalle si è tramutata in una spessa nebbia, che li costringe, il mattino seguente, a trovare una alternativa più sicura della via di cresta attrezzata.
Risparmiano tempo, certo, ma sono costretti a rinunciare ai paesaggi sulle vette tutte intorno, affogate nel latte.

image-809

Rifugio Coda.

Continue reading

Fuori Tor, l’Alta Via dimenticata – Tor de Geants: la cronaca.

Non sarebbero mai voluti partire, la mattina dopo, già in preda alla nostalgia di quella piccola porzione di Vallèe selvaggia e quasi dimenticata dai turisti.
Da Champorcher il Tor si stacca dall’originale percorso dell’Alta Via 2, per recuperare chilometri attraverso il fondovalle, ed arrivare a Donnas in un soffio.
A loro due, che con le Alte Vie vorrebbero andare fino in fondo, serviranno due giorni per coprire una distanza irrisoria, in un continuo su e giù di valli.
Appena il tracciato di bandierine gialle lascia il sentiero, la differenza nella manutenzione dei percorsi è palese.
Se ne lamentano gli abitanti del luogo e se ne lamentano Lui e Lei, costretti a seguire segnavia ormai completamente scoloriti.
Sbagliando strada, venendo attaccati da un branco di mucche che si sono viste usurpare il pascolo, scalando la densa pietraia che costituisce la cima del Colle della Fricolla (2540 metri s.l.m.) letteralmente a intuito e tentoni.
Ma tra quelle pietre bianche puntellate da licheni la pace è assoluta, e ripaga per ogni fatica spesa per raggiungerla.
Anche se l’ascensione non è stata nemmeno un assaggio rispetto al pagamento in dolore che richiederà la peggiore discesa dell’intera Vallèe, quella saltellante e infima fino al prezioso borgo di Crest di Sopra, quasi totalmente abbandonato, dove vengono accolti dalle note di una canzone della, un tempo, più famosa boyband di casa: i Lunapop.
Per quella sera sono, assieme ad altri due viandanti, i padroni quasi assoluti del borgo.
In cui lasceranno un altro pezzettino di cuore alla ripartenza.

image-798

Crest di Sopra.

Continue reading

Il mutare della natura – Tor de Geants: la cronaca.

Il temporale li fa desistere dalla speranza di raggiungere quella che avrebbe dovuto essere la Cima Coppi del viaggio, i 3296 metri del Col Loson, ripiegando direttamente su Cogne.
Qualche giorno dopo scopriranno che la grandine ha martoriato i viandanti mentre i fulmini si infrangevano tra le pietre della valle. E convengono che, questa volta, abbiano fatto la scelta più saggia.
Possono, per lo meno, approfittare del cambiamento di programma per riposare i muscoli urlanti e dedicarsi al tradizionale passatempo dei turisti: l’ozio. Con negli occhi il ghiacciaio della Becca della Tribolazione.

image-789

Prati di Sant’Orso e Becca della Tribolazione.

Continue reading

Da zero a settemila – Tor de Geants: la cronaca.

Li sveglia il ribollire della Dora Baltea, che irosa di flutti attraversa il paese.
Dal medesimo punto che, ventitré giorni dopo, sarà anche l’arrivo, iniziano a sistemare i passi in fila, uno dopo l’altro, seguendo i segnavia gialli con inciso il “2” nel triangolo, che per dieci giorni sarà ossessione e salvezza.
Si lasciano alle spalle i 1224 metri di Courmayeur, i suoi volgari negozi costosi, le famigliole di turisti, per raggiungere le morene glaciali ormai ridotte a solo sfasciume.
La prima salita è sempre estremamente faticosa, è risaputo: il fisico non è abituato al peso aggiuntivo dello zaino, il corpo tutto non accetta la richiesta di moto perpetuo, opponendosi con grossi goccioloni di sudore, ma, superato l’arrivo della funivia, finalmente lo si scorge, dietro un promontorio. E’ Lui, il massiccio del Monte Bianco, la più alta vetta della vecchia Europa, che avvolge in un abbraccio di roccia granitica la Val Veny, quasi a volerla rassicurare.
Un torrente scende dal ghiacciaio in tumultuose cascate. Lei ci tuffa le mani, schizza acqua gelata tutto attorno ed esclama “era la neve!”. Felice.

image-775

Alle loro spalle, nell’accecante luce del mattino, la Grandes Jorasses.

Continue reading

La città di Felik – Meno otto al Tor de Geants

Un tempo, tra le morene terminali dell’attuale Ghiacciaio del Lys e l’alpe Sikken, esisteva una città florida e ricca. La posizione favorevole permetteva infatti ai suoi abitanti di mantenere proficui scambi commerciali con la Val d’Ayas, quella di Gressoney e il Canton Vallese.
Il suo nome era Felik.

Con l’accrescersi della ricchezza i modesti montanari che l’avevano sempre abitata iniziarono a peccare di orgoglio: i pasti frugali si trasformarono in pranzi dalle cento portate, le modeste baite di montagna si tramutarono via via in palazzi ricchi di decorazioni e stucchi, ed il vestiario si fece più ricercato e sfarzoso.
Avevano anche dimenticato le proprie origini e i precetti di mutuo aiuto che da sempre erano valsi tra le popolazioni alpine. Continue reading

« Older posts

© 2018 La Via di Fuga

Theme by Anders NorenUp ↑