Da otto a infinito. – Linea Gotica 1945-2015

Un sabato di fine luglio. Il sole resta nascosto dietro le nubi, timoroso di mostrarsi ad una Bologna sonnacchiosa.
I due ragazzi aspettano, seduti davanti alla bocciofila. Qualcuno distoglie l’attenzione dal mazzo di carte per sbirciarli di sottecchi.
Continuano a rifinire i loro progetti, in bilico sul bordo della trepidazione per l’opportunità di conoscere, finalmente, chi per primo ha riposto in loro fiducia.

I membri della sezione A.N.P.I. di San Lazzaro di Savena gli riservano un’accoglienza calda e familiare.
Otto paia di occhi li osservano curiosi, e si dimostrano da subito partecipi.
Li interrogano, un moderno esame di maturità, che riceve risposte un po’ disordinate, complici le troppe cose da gestire degli ultimi tempi e, soprattutto, l’emozione di essere lì.
Lì, con loro, a vivere l’onore più grande: ricevere i complimenti da chi su quei sentieri ci ha combattuto, dai proprietari delle storie che vanno cercando. Nel giorno della caduta del governo fascista.

1

Gli regalano due fazzoletti con il tricolore dell’A.N.P.I., che li accompagnino lungo il cammino.
Lasciano le firme sulla bandiera, uno dopo l’altro.
Le prime di molte. Otto di infinite.
Irene inizia a colorarsi di blu.

 

Meno sedici.

 

“L’ignoranza è l’ottavo vizio capitale.”
(Andrea Gallo)

 

 

3
image-257

Grazie a Juri,
Rino
Luciana,
Silvano,
Mauro,
Cesare,
Fabio
e Sergio.
Sarà un piacere camminare con voi.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Lascia un commento