La cura. – Via degli Dei in quattro tempi – Secondo tempo

Secondo tempo

Prima notte di temporali. Due, in rapida successione.
Sentiamo i tuoni prima avvicinarsi e poi allontanarsi. Fissiamo il cielo attraverso i vetri, cercando di convincere con la sola forza della pensiero le nuvole a fermare il loro pianto.

La pioggia mette alla prova. Obbliga il fisico alle condizioni avverse, sforzandolo all’inverosimile nel cammino nel fango.
Mette alla prova i nervi, slabrandoli con il suo costante picchiettare, facendoli marcire di buio e ripetizione. E, infine, annienta la psiche, abbattendo l’umore e creando malumori.
La pioggia è il male. Ma camminiamo lo stesso.

3vdd
image-54

Ci inerpichiamo verso Monzuno, protetti dalla mole boscosa di Monte Adone alle nostre spalle, ed appena spiove restiamo ovattati tra le nubi, potendo vedere poco oltre i nostri piedi. Raggiungiamo l’incrocio con la Linea Gotica a Monterumici, dove il sole finalmente ci solletica con giochi di luce tra gli alberi. Della nostra storia, del nostro antico coraggio, sono rimasti quattro metri di sentiero non stuprati dall’asfalto.

Superando il crinale di una frana raggiungiamo il paese, da cui la strada si inerpica nuovamente, come un serpente di ghiaia che riposa nel verde. Sei chilometri difficili, finalmente nel sole, ma erti e dissestati. Salendo nel bosco il fango e i pietroni bagnati dalla recente pioggia ci spingono indietro, ma raggiunta la cima, la fatica viene ripagata dalla vista mozzafiato: più e più vette si dispiegano attorno a noi, mentre nuvole basse vi scorrono in mezzo, cercando di invogliarle a lasciarsi conquistare.

Pranziamo nel silenzio del bosco, e mai come prima di allora comprendiamo l’importanza del cibo, energia solida tramutata quasi istantaneamente in forza.
Conquistata con una dolce salita la croce di Monte Galletto, possiamo discendere fino a Madonna dei Fornelli, tra fattorie e pale eoliche.

Il ristoro dell’American Bar dove gli Spritz sono ai minimi storici, è la degna conclusione di una tappa intermedia, di media difficoltà.

VdD – Primo tempo

VdD – Terzo tempo

VdD – Quarto tempo