La Via di Fuga

Soltanto camminando ci si può salvare

Tentativo di summit al Mongibello

Ore 05:30.

La spedizione aggiusta gli zaini sulle spalle. La finestra meteo è ottimale, le condizioni per il tentativo di vetta sono propizie.

Inizia l’ascesa sulla grande Montagna. Il morale è alto, nessun intoppo all’orizzonte.

Hanno scelto la via Acmé (“il punto più alto”) che taglia la parete sud in due, retta e dalla pendenza che non lascia scampo. Ogni passo posato significa arretrare di mezzo, a causa della friabilità dello scuro terreno.

Servono un paio d’ore di salita in queste impervie condizioni, osservati da animali selvatici incuriositi dalla loro solitaria presenza, per giungere all’ultimo campo attrezzato disponibile prima della vetta.

L’incedere resta regolare, sono ormai le 09:00 quando giungono a quota 2900 m s.l.m. . Macherebbero solo 400 m di salita per toccare le bocche principali.

image-671

Ma ecco che il sogno si infrange contro una colata di lava fresca. Esattamente come successo all’Hillary Step, anche qui il volere della montagna ha cancellato l’ultimo tratto di sentiero: i crateri centrali sono isolati.

Non resta che tornare al campo base amareggiati. Accelerando il passo, per evitare che il suolo lavico che diventa sempre più rovente, sciolga le suole delle loro calzature.

image-672

 

Forse un po’ meno eroico, ma quasi alla cima dell’Etna quei due ci sono arrivati.

 

1 Comment

  1. Interessante resoconto della ascesa alla “Montagna”.
    Nella descrizione dell’itinerario verso i crateri, l’editore/correttore del libro ha commesso un grave errore, eliminando alcune informazioni.
    Semmai in futuro potrò editare il libro apporterò le dovute correzioni e aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 La Via di Fuga

Theme by Anders NorenUp ↑